Approfondimenti

Sbiancamento denti: perchè farlo

Fumo, caffè, cibi e bevande che contengono coloranti possono causare l'ingiallimento dei nostri denti. Ecco come rimediare

A volte il nostro sorriso appare spento.
L'abitudine al fumo o la consuetudine al caffè, alle bevande e ai cibi contenenti coloranti, deposita nel corso degli anni agenti pigmentanti sui nostri denti. Questo fa sì che l'azione del tempo tenda a spegnere il nostro sorriso. Ecco il principale motivo per il quale si corre dal dentista e si richiede lo sbiancamento denti.



COME AVVIENE LO SBIANCAMENTO DENTALE?

Una volta effettuata la pulizia professionale dei denti, il vostro dentista applica sulle gengive un gel protettivo per garantire la massima sicurezza del trattamento.
Terminata la procedura, si procede con il deposito sulla superficie dei denti del gel sbiancante a base di perossido di idrogeno che, grazie alla speciale lampada sbiancante, attiva l'azione sbiancante del gel per il tempo necessario.

Viene successivamente utilizzato Desens, uno speciale prodotto che riduce il rischio di iper-sensibilità successiva al trattamento.

 

CI SONO RISCHI PER LO SMALTO DENTALE? 

Il perossido di idrogeno, amplificato dall'azione della speciale lampada sbiancante, penetra all'interno dello smalto eliminando i pigmenti depositatisi nel tempo. Quest'azione di pulizia dello smalto non determina alcun danno per la struttura del dente e può essere ripetuta, sempre sotto controllo del dentista, a distanza anche di poco tempo.

 

LO SBIANCAMENTO DENTI FUNZIONA SEMPRE?

Generalmente, lo sbiancamento denti consente di renderli molto più chiari. In particolari situazioni, possono rendersi necessari più trattamenti, attuabili senza alcun danno per i denti.
La luminosità ottenuta annullerà gli effetti dei pigmenti accumulatasi nel tempo.