Approfondimenti

Come smettere di soffrire dal dentista

La prima regola per limitare il rischio di sentire dolore dal dentista è sottoporsi a visite di controllo regolari, ma esistono anche altri rimedi

Il primo passo per limitare al massimo il rischio di sentire dolore dal dentista come sappiamo è sottoporsi a visite di controllo che permettano di intercettare i problemi prima che sia il dolore a farli manifestare.

Con la sedazione cosciente, è possibile curare i tuoi denti senza alcuna sofferenza, riducendo il numero di appuntamenti. La completa eliminazione del dolore, dello stress e dell’ansia è realizzabile, sia durante che dopo le cure dentistiche.

La sedazione cosciente è un metodo assolutamente sicuro e non tossicoIn studio, comunemente utilizziamo la comune anestesia locale eseguita direttamente dal dentista, ma quando necessario, consigliamo di eliminare il dolore, la paura, e lo stress grazie all’ausilio della sedazione cosciente.

La sedazione viene effettuata con protossido d’azoto, un gas che si usa da 150 anni e che attenua le percezioni dell’ambiente circostante da parte del paziente.
Viene somministrato attraverso inalazione con una mascherina: sono sufficienti alcuni respiri per passare ad una confortante sensazione di benessere.


LA SEDAZIONE COSCIENTE PERMETTE DI DIMINUIRE:

  • l’ansia e la paura
  • la sensibilità al dolore
  • i riflessi di deglutizione
  • il riflesso del vomito

Il protossido d’azoto diventa così un ottimo alleato del dentista per lavorare con i bambini e coi pazienti meno collaboranti per ansia, fobia o per la presenza di uno spiccato riflesso del vomito, che è una delle cose più fastidiose sia per il paziente che per il dentista.

La sedazione cosciente con protossido d’azoto è un metodo assolutamente sicuro, in quanto non è tossico, non viene metabolizzato dall’organismo ma è completamente eliminato attraverso la respirazione e non causa allergie.
 Questa tecnica è adatta a tutti i principali tipi di terapie odontoiatriche, come l’igiene, la cura delle carie (conservativa), la protesi, le cure canalari (endodonzia), le estrazioni, le terapie gengivali (chirurgia parodontale) e gli impianti nei casi più semplici.

Inoltre, è particolarmente indicata ed adatta per i bambini (spesso spaventati dal dentista e quindi poco collaborativi), per pazienti che hanno il terrore della sedia del dentista (odontofobia) e per i portatori di handicap.