Approfondimenti

Antibiotico denti: quando usarlo e quale scegliere

Antibiotico denti? Ecco quale scegliere in caso di ascesso o altri disturbi dentali

Quando il mal di denti è forte e non dà tregua, i comuni analgesici possono non essere sufficienti. Esistono alcuni casi in cui una terapia antibiotica è consigliata, se non addirittura indispensabile, ma sempre dopo aver consultato il proprio dentista. Il binomio “antibiotico denti” è molto ricorrente quando si è in presenza di un ascesso dentale, parodontite, infiammazioni gengivali o anche trattamenti operatori.
 

Dunque, sebbene non sempre necessario, un trattamento antibiotico è la scelta più indicata per contrastare le infezioni orali. Ma quale antibiotico denti scegliere e quando usarlo senza controindicazioni? Ecco quello che dovresti sapere.

Quando usare l’antibiotico denti?

Partendo dal presupposto che le cure per il mal di denti fai da te sono sempre da evitare, curare i denti con l’antibiotico è la soluzione più efficace per combattere infezioni legate ad ascessi, gengiviti, parodontite, estrazione dente del giudizio e altri interventi. Il cavo orale, infatti, è sede naturale di un gran numero di batteri che, per cause diverse (es. microrganismi veicolati dal cibo ingerito, spazi interdentali che favoriscono l’accumulo di placca e residui, variazioni del PH salivare, ecc.), possono proliferare e scatenare infezioni batteriche.

Il risultato è un mal di denti intenso, pulsante, spesso accompagnato da gonfiore e ascesso. In presenza di tali sintomi, la terapia antibiotica per i denti ha scopo terapeutico. In altri casi l’uso dell’antibiotico assume finalità preventiva, come profilassi pre o post operatoria. Il ricorso all’antibiotico per i denti è consigliato anche nei pazienti con problemi cardiaci, più facilmente esposti al rischio di infezioni quali endocardite batterica, ma anche nei pazienti che presentano un abbassamento delle difese immunitarie (es. a causa di diabete, chemioterapia, cancro, artrite reumatoide), per ridurre il rischio di infezioni. 


Quale antibiotico usare in caso di mal di denti? 

Nei suddetti casi, l’uso di antibiotici per mal di denti e altri disturbi dentali può essere prescritto o suggerito dal proprio dentista. Ma quale usare? Ecco alcuni dei nomi degli antibiotici più usati in caso di mal di denti:

  • Penicillina
  • Eritromicina
  • Metronidazolo
  • Clamoxyl
  • Clindamicina
  • Tetraciclina.

Consultando il tuo dentista, potrai farti prescrivere il più adatto e farti indicare per quanti giorni assumerlo, affinché sia efficace e priva di controindicazioni.

Terapia antibiotica denti: controindicazioni

Come avviene per la maggior parte dei farmaci, anche l’antibiotico per i denti può dare luogo a controindicazioni e effetti indesiderati. Reazioni allergiche anche forti, nausea, diarrea e mal di stomaco sono tra i più ricorrenti. In altri casi, l’antibiotico può risultare inefficace contro alcuni tipi di batteri: è il caso della pulpite dentale irreversibile, che normalmente richiede prolungati trattamenti a base di analgesici.

Tuttavia, oggi i dentisti tendono a prescrivere antibiotici molto meno rispetto al passato, per evitare lo sviluppo di batteri resistenti, con conseguenze diverse sul altre parti dell’organismo. La prescrizione sarebbe, quindi, consigliata solo quando veramente indispensabile o altamente consigliabile per il paziente, evitando il ricorso ad antibiotici per il mal di denti senza ricetta