Approfondimenti

Novità sul fronte salute e pulizia dei denti

C’è lo spazzolino che ci insegna a lavarci i denti, il dentifricio che cambia colore e persino un chip che ci monitora mentre mangiamo. Pensate di averle già sentite tutte? Scopritelo

Futuro e connettività intelligente sono stati i punti cardine di quest’anno alla massima esposizione mondiale di elettronica di consumo. Tra le ultime evoluzioni pionieristiche presentate al CES (Consumer Electronics Show) 2018 c’è stato spazio per il sensore smart che permette di monitorare la qualità del sonno, ma anche per l’asciugacapelli wireless, sogno segreto di ogni donna.

E sul fronte salute e pulizia dei denti come siamo messi? Ve lo diciamo noi, raccontandovi queste 4 novità tutte da scoprire.


LO SPAZZOLINO SEMPRE CONNESSO

Non è un caso se abbiamo citato un evento di portata mondiale come il CES di Las Vegas. È proprio durante l’edizione scorsa dell’evento che è stata presentata una novità assoluta nel campo pulizia dei denti. Il suo nome è Kolibree Ara e si tratta del primo spazzolino al mondo dotato di intelligenza artificiale.

spazzolino-intelligente.jpg

Si, avete capito bene, dopo gli smartphone super accessoriati, le smart home capaci di accogliere il padrone di casa regolando luci e riscaldamento e dopo i robot capaci di scrivere bestseller di successo, non poteva mancare lo spazzolino da denti intelligente. Questo sofisticato strumento è in grado non solo di imparare le nostre abitudini di spazzolamento quotidiano, ma addirittura di indirizzarci verso abitudini corrette per la nostra salute orale.

Non sarà più la mamma ad insegnarci come lavare i denti. Ci penserà il nostro spazzolino.
Era ora!


IL DENTIFRICIO DIVENTA BIO

Dopo i dentifrici al fluoro, quelli per denti sensibili e quelli con cristalli Ultra-Shine con azione sbiancante, arriva anche il bio-dentifricio ispirato alla saliva, da cui prende in prestito enzimi e proteine speciali.

dentifricio-bio.jpg

Punti di forza? Parecchi. La salute dei denti è al sicuro con questa particolare tipologia di dentifricio, in grado di controllare i batteri, mantenendo il perfetto equilibrio della microflora batterica. Senza contare che l’uso di questo prodotto non tende ad alterare la percezione del gusto come quando si utilizzano i tradizionali dentifrici e promette di sconfiggere in modo più efficace carie e sensibilità gengivale e dentale.

Assolutamente da provare.


IL DENTIFRICIO CHE CAMBIA COLORE

Lo sapevate che una durata inferiore a 2 minuti per la pulizia dei denti non permette al fluoruro contenuto nel dentifricio di agire correttamente? Ebbene si. La regola vuole che ci si lavi i denti per 4-5 minuti, 2-3 volte al giorno, ma sappiamo tutti che questo non sempre è possibile. Molto spesso non c’è abbastanza tempo. Altre volte, semplicemente, ce ne dimentichiamo.

Per assicurare alla nostra bocca e ai nostri denti l’igiene che meritano, arriva in soccorso il nuovo dentifricio che cambia colore, diventando blu passati i 2 minuti di lavoro.

dentifricio-che-cambia-colore.jpg

Non ci sarà bisogno di un cronometro ad indicarci il tempo corretto per la nostra igiene orale. Ci penserà il nostro dentifricio.
Guai a chi non vede del blu in bocca! 


IL CHIP TRADITORE

I furbetti che esagerano con le calorie a tavola presto non avranno scampo, grazie al nuovo sensore miniaturizzato della Tufts University (Massachusetts).

Si tratta di un chip applicabile sui denti che permette di monitorare sodio, glucosio, alcol e altre sostanze che assumiamo durante l’alimentazione, comunicandole direttamente ad un dispositivo mobile.

chip-sui-denti.jpg

L’invenzione è assolutamente rivoluzionaria per i pazienti che seguono specifiche terapie e devono stare attenti coi cibi che ingeriscono, per i medici che hanno bisogno di scoprire come reagisce il corpo ad un farmaco, ma anche per i cultori di diete e benessere. Inoltre, è minimamente invasiva: il sensore della dimensione di 2 millimetri per due oggi è stato testato e applicato sui denti e sulla pelle, registrando con ottimi risultati nutrienti e molecole chimiche assorbite durante un classico pasto.

Rivoluzionario? Senza dubbi. Traditore? Solo per chi esagera.