Approfondimenti

Gravidanza e cura dei denti

Vogliamo tranquillizzare le mamme di tutto il mondo: durante la gravidanza curare i denti non provoca alcun rischio per il nascituro. Ecco le nostre risposte sul tema

A volte sorprende quanto possano essere iperprotettive le mamme coi loro piccoli.
Se per un banalissimo raffreddore del neonato sono pronte a correre in pronto soccorso e scomodare il primario in persona, immagina quanto possano essere restie a recarsi dal dentista per sottoporsi ad estrazioni e cura dei denti durante tutti i 9 mesi di gestazione.

Quello che forse non sai è che curare i denti durante una gravidanza non provoca alcun rischio per il bambino. Ecco 4 risposte che (forse) potranno rassicurarti:


CURA DEI DENTI: PERCHÉ NE HO BISOGNO DURANTE LA GRAVIDANZA?

Durante i 9 mesi la donna incinta va incontro a cambiamenti fisiologici, ormonali, alterazioni del sistema immunitario che possono influenzare lo stato di salute di bocca e denti.

Ma non solo. Cambiamenti nella qualità e quantità di saliva, tendenza a mangiare fuori pasto e rigurgiti acidi possono alterare la mucosa orale, aumentando il rischio di carie.


CURA DEI DENTI: CHE COSA POSSO FARE PER PREVENIRE EVENTUALI RISCHI?

Le carie sono frequenti nelle donne con ripetuti episodi di vomito e nausea, ma semplici accorgimenti possono aiutarti a limitare i danni.

  • Per neutralizzare l’acidità annidatasi in bocca dopo episodi di vomito, sciacqua abbondantemente con acqua e bicarbonato o colluttorio. Evita di spazzolare subito dopo i denti perché questo potrebbe accelerare la demineralizzazione dello smalto dentale.
     
  • Riduci al minimo l’assunzione di cibi zuccherati e, se proprio non riesci a farne a meno, ricordati di lavare i denti subito dopo o masticare chewing gum senza zucchero se ti trovi fuori casa. Questa regola va applicata in generale e non solo durante la gravidanza.
     
  • Scegli uno spazzolino con setole morbide, adatte ai tuoi denti delicati, e privilegia dentifrici al fluoro non abrasivi per lavarti i denti.


CURA DEI DENTI: QUAL È IL PERIODO GIUSTO PER RECARSI DAL DENTISTA?

Il momento migliore per effettuare terapie dentali durante la gravidanza è tra le 14 e le 20 settimane. In questo periodo, tutti gli organi del bambino sono formati e il rischio di aborto è ridotto al minimo.


CURA DEI DENTI: NELL’EVENTUALITÀ DI TERAPIE URGENTI, QUALI SONO PIÙ INVASIVE PER IL BAMBINO?

Ricorrere all’anestesia durante particolari terapie è necessario, ma il dentista messo al corrente del tuo particolare stato sa bene di dover ricorrere ad anestesia senza adrenalina che, a causa del suo effetto vasocostrittore, limita il calibro dei vasi sanguigni.

Se necessario il ricorso ad esami radiografici, il dentista ricorrerà alle dovute protezioni (grembiule piombato per la protezione dei raggi X).

Infine, se dopo aver effettuato otturazioni, estrazioni o devitalizzazioni, dovessi ricorrere a farmaci per placare il dolore, ricordati che è concesso il paracetamolo e particolari tipologie di antibiotico, mentre sono da evitare (o limitare a non più di due giorni) gli antidolorifici, soprattutto durante i primi 3 mesi di gestazione.