Approfondimenti

Dolore impianto dentale post-intervento: sintomi e rimedi

Il dolore impianto dentale può avere una durata e un'intensità variabili da paziente a paziente

L’implantologia moderna ha fatto passi da gigante, con notevoli risultati in termini di riuscita estetica e funzionale dell’intervento, ma anche di riduzione delle ipotesi di complicanze e dei tempi di ripresa. Come ogni tipo di intervento, anche quello di installazione di un impianto dentale prevede un suo decorso post-operatorio, con tempi di recupero e sintomatologie diverse di caso in caso.

Il perfezionamento della tecnica, l’utilizzo di materiali di qualità, uniti all’esperienza e alla preparazione del dentista, consentono di ridurre al minimo il dolore impianto dentale, con esiti ottimali sotto ogni punto di vista. Se hai già affrontato o stai per sottoporti a un intervento di implantologia, ecco alcuni consigli utili per gestire il dolore da impianto dentale nel periodo successivo all’intervento. 

Dolore post-operatorio da impianto dentale: durata e cura

Quando ci si sottopone a un intervento per l’applicazione di protesi dentali, è bene seguire tutte le indicazioni del proprio dentista per assicurare la buona riuscita dell’operazione e un buon decorso operatorio, riducendo al minimo il rischio di dolore da impianto dentale. Trattandosi comunque di un intervento di chirurgia mini-invasiva, anche un impianto dentale prevede, innanzitutto, la preparazione del paziente con la dovuta diagnosi preliminare, per accertare lo stato di salute della bocca e prevenire eventuali effetti collaterali.

Dopo l’intervento, i sintomi più frequenti legati ad un impianto dentale sono:

  • sanguinamento legato alla ferita, da considerarsi normale soprattutto nelle prime 12-24 ore;
  • gonfiore della zona operata, che può essere contrastato con l’applicazione di ghiaccio;
  • qualche ecchimosi, che potrebbe comparire dopo 72 ore;
  • dolore post-operatorio

Per ridurre il dolore si può agire tempestivamente assumendo un analgesico ancor prima che svanisca l’effetto dell’anestetico. Il dentista provvederà a prescrivere analgesici o una terapia antibiotica, utile anche a evitare infezioni perimplantari
 

dolore impianto dentale.jpg


Quanto dura il dolore post-intervento da impianto dentale? 

Come è facile immaginare, anche quando ci si trova davanti a un intervento ben eseguito, il dolore da impianto dentale è sempre da mettere in conto. L’intensità e la durata del dolore post operatorio possono variare notevolmente da soggetto a soggetto e, ovviamente, in base al tipo di intervento che è stato eseguito. Il dolore post-intervento può durare dai 3 ai 5 giorni. In caso di dolore prolungato, si consiglia di consultare il dentista per verificare che non vi siano complicanze o infezioni in corso.

Di norma, un corretto decorso, benché soggettivo, richiede circa 3 mesi per ritornare in condizioni di perfetta osteointegrazione tra osso e impianto, ma anche per ripristinare le condizioni di una ottimale masticazione. Seguire tutte le raccomandazioni post intervento aiuterà a ridurre i tempi di recupero e il rischio di un dolore prolungato

Dolore impianto dentale long term

Il dolore che segue un impianto dentale può avere una durata variabile da alcuni giorni ad alcune settimane, a seconda del soggetto e del tipo di intervento. Meno frequentemente, il dolore si manifesta anche dopo anni dall’intervento (dai 6 ai 9 anni) per effetto dei batteri che si depositano sulla superficie dell’impianto, dando luogo a perimplantite.

Questa patologia può condurre alla retrazione dell’osso di sostegno, fino all’esplusione dello stesso. Per evitare di incorrere in questa ipotesi, si consiglia sempre di rispettare tutte le regole di pulizia dell’impianto dentale e di sottoporsi a controlli periodici per verificare il buono stato di salute della bocca.