Approfondimenti

Afte in bocca: domande frequenti

Sono in tanti a soffrirne, circa il 40% della popolazione italiana, e ognuno ha il suo rimedio di fiducia per combattere queste fastidiose lesioni infiammatorie orali

Quando mangi particolari cibi provi un forte bruciore? Ti capita improvvisamente di sentire prurito in un punto preciso della bocca? Allora i fastidi che provi potrebbero essere causati da una o più afte.

Spalanca la bocca e corri davanti allo specchio a controllarti: se individui lesioni di forma tondeggiante del diametro di 2-5 millimetri allora ti sei appena aggiudicato delle fastidiosissime afte che in greco significano comunemente ulcere alla bocca.


AFTE IN BOCCA: I FATTORI SCATENANTI

Qualche fortunato non sa nemmeno di cosa stiamo parlando, non avendone mai sofferto. Gli abituali conoscitori delle afte alla bocca, alle guance, alle labbra e persino alla lingua invece inorridiscono alla vista dell’ennesima ulcera dolorosa.

Impossibile rimanere indifferenti quando cerchi di goderti il tuo piatto preferito e ad ogni boccone provi soltanto bruciore. Ma perché soffriamo di questi disturbi orali? Quali sono le cause?

mangiare-cibi-speziati.jpg

  • Genetica
  • Stress
  • Carenze nutrizionali
  • Fattori immunitari
  • Agenti microbiologici
  • Allergie e intolleranze alimentari
  • Traumi alla bocca (morsi, spazzolamento dei denti troppo energico, irritazioni causate da apparecchi o dentiere)
  • Consumare spesso cibi acidi o molto speziati
  • Scarsa igiene dentale


AFTE IN BOCCA: BANDO AGLI ALLARMISMI

Una volta individuate, non è il caso di farsi prendere dal panico. Ricorda che le afte orali non sono contagiose, non richiedono immediate corse dal medico e, cosa ben più importante, scompaiono da sole nel giro di 10-15 giorni al massimo.

Nei casi in cui queste piccole ferite dovessero perdurare per più di due settimane e causare fastidi difficili da gestire come: dolori intensi, sanguinamenti, impossibilità a mangiare, febbre e affaticamenti, etc… ti consigliamo di rivolgerti al medico di famiglia o, meglio ancora, ad un dermatologo.


AFTE IN BOCCA: RIMEDI FARMACOLOGICI

L’unica soluzione per alleviare il dolore e ridurre il rischio di diffusione dell’infezione è quello di trattare le afte attraverso efficaci rimedi farmacologici o naturali.

Tra i trattamenti farmacologici più conosciuti esistono gel, pomate o creme antisettiche che vanno applicate sopra le singole ulcere e che, oltre ad alleviare il bruciore in bocca, accelerano la guarigione. Spesso però il dolore è intenso è si è costretti ad assumere paracetamolo (entro le dosi indicate dal medico).


AFTE IN BOCCA: RIMEDI NATURALI

aloe-vera-per-curare-afte.jpg

Sbarazzarsi velocemente delle fastidiose afte alla bocca è possibile anche attraverso semplici prodotti di uso quotidiano. Vediamo i più conosciuti:

  • Te: specialmente se nero, ha proprietà analgesiche che aiutano a trovare sollievo alla bocca infettata.
    Immergi una bustina di te in acqua bollente, lasciala raffreddare per alcuni minuti, poi applicala alle zone colpite da bolle ulcerose.
     
  • Aloe vera: grazie alle sue proprietà antivirali e antinfiammatorie accelera il processo di guarigione e riduce il dolore.
    Spalma il succo di aloe su ogni singola afta e attendi l’attenuazione del dolore.
     
  • Risciacqui con acqua e bicarbonato, acqua e salvia, acqua calda e limone o acqua calda e sale, consigliata per diverse volte al giorno fino al completo riassorbimento delle ulcere.
     
  • Propoli: si tratta di una sostanza prodotta dalle api che aiuta ad anestetizzare il dolore.
    Si può trovare sottoforma di barrette, da masticare e tenere a lungo in bocca, oppure olio per fare gargarismi.